Aldrovandi e la memoria diffidata negli stadi

Ancora una volta il viso del giovane, morto nel 2005 durante un fermo di polizia, è stato considerato “provocatorio nei confronti delle forze dell’ordine”

Fonte: Il Foglio – di Giovanni Francesio, 30 Ottobre 2018

Era già successo durante la scorsa stagione; quest’anno è avvenuto a Genova, per Sampdoria-Spal, e sabato scorso di nuovo a Roma: Federico Aldrovandi non è potuto entrare allo stadio. Non solo la bandiera con il volto del ragazzo, tifoso della Spal, morto a Ferrara nel 2005 durante un fermo di polizia, ma anche le magliette, le sciarpe, tutto. Ancora una volta il viso di Aldrovandi è stato considerato “provocatorio nei confronti delle forze dell’ordine” (giudice sportivo Pasquale Marino, dicembre 2017), si deve supporre per ordine della Questura. Una diffida alla memoria.

Continua a leggere

L’Italia perde la sfida dei processi-lumaca

Fonte: IlSole24Ore, 22 ottobre 2018, di Marina Castellaneta e Bianca Lucia Mazzei

Processi civili e penali fra i più lunghi d’Europa e numero di giudici di molto inferiore alla media.

È questo, in sintesi, il quadro italiano che risulta dal settimo rapporto della Commissione europea per l’efficienza della giustizia del Consiglio d’Europa (Cepej).

Nonostante i progressi conseguiti soprattutto in campo civile, dove dal 2010 al 2016 (il periodo monitorato dai rapporti Cepej) l’arretrato è costantemente diminuito, la situazione dell’Italia è ancora molto pesante:

Ad esempio, ecco le differenze con la media UE nei processi civili:

I grado: 🇮🇹 514 giorni, 🇪🇺 233 giorni

II grado: 🇮🇹 993 giorni, 🇪🇺 244 giorni

III grado: 🇮🇹 1.442 giorni, 🇪🇺 238 giorni

Tutti i dati sul @sole24ore di oggi