DECRETO «FARE»

Il decreto varato venerdì è la dimostrazione che si possono prendere decisioni utili senza dover ricorrere per forza a manovre lacrime e sangue. E ciò è buono per far tornare un clima di fiducia e ottimismo. Ora però è auspicabile continuare con coerenza e trovare le risorse, questa volta denari sonanti, per le scelte più difficili. Servono svariati miliardi per sciogliere tre nodi ineludibili: l’Iva, l’Imu e gli incentivi alle assunzioni dei giovani. Poiché non ci sono i soldi per far tutto, bisogna partire dalle cose più urgenti. In questo senso, un rinvio sull’Iva, spostando di qualche mese l’aumento dal 21 al 22%, consentirebbe intanto di investire sul lavoro, priorità fra l’altro in linea col percorso cominciato venerdì, e di cercare le risorse per la riforma del prelievo sulla casa.

LE MISURE Continua a leggere